Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘memorie’

il mare, dall’alto

mare

il mare, dall’alto
trema d’ombre e di squame
si slarga in luminosa curvatura
con vive pieghe di velluto grigio
metallizzato

alla mia destra, acacie e sterpi –
invisibili, oscure risonanze
sprofondate nel Carso
innominate memorie
sotto il passo dell’istrice

dietro, Trieste arrampicata
evapora controvento

Annunci

Read Full Post »

fuoco

Camminava su ponti di cristallo
in punta di piedi
quarzo e ametiste pendevano
dai salici pensosi
lei, era una blogger da poco
fra le mani le sgusciavano pesci
contemplava memorie di sabbia
su pezzi di carta stagnola

sua madre le apparve in fondo alla strada
“ciò che hai fatto non è stato invano”
le disse, ed era
trasparente
“per le ferite nascoste che hai inferto
con parole crude o mani impazienti
ti regalo il perdono”

se tu mi credi
sussurrava
per te soltanto io esisto

Read Full Post »

Tre naiadi

naiadi

tempi e luoghi
dentro il quadro si mischiano
scarmigliate e selvagge
naiadi ruotano in centrifuga danza
incatenate in pazzo girotondo –
brucia i piedi appuntiti
sull’erba

fra le maglie del tempo s’infiltrano –
fuori è la pioggia rovinosa, il vento
sbatte i cristalli, sfalda i ricordi –
nella stampa brunita un sobbollire
di memorie in vertigine vuota
la cornice lucente
incide
fori nel tempo

Read Full Post »

luogo sconosciuto

bambole_3_664

Sono in un luogo sconosciuto
dove il tempo non lascia traccia
le persone hanno guance lisce
sembrano avatar –
acquattate negli angoli bambole
abbracciano vecchi folletti
vassoi di peluches si sporgono
chiedono solo attenzione

oggetti ombrosi affollano
cassetti chiusi, ante aperte e sbattute –
celle di contenimento
al lievitare di antiche memorie

la morte ha illuminato la vita
con nucleare bagliore –
indica percorsi a singhiozzo
il finale non ha spiegazione

Read Full Post »

le stanze dell’ansia

Vilhelm_Hammershøi-_Die_vier_Zimmer,_1914

Le stanze dell’ansia ora sono vuote:
sfilacciati i pensieri, le mani
sfarfallano argenti a caso –
ore pesanti non strisciano più

nell’odore di legno marcito
tamponerò memorie con ciuffi di cotone
che non mi graffino i flauti striduli

Read Full Post »