Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘note’

 

 

Viktor Hartmann

 

Fossi petalo sparso o seme
e mi beccasse un merlo a primavera
rosa su verde, capriccio
fantasia musicale che si perde,
martellante saltello di note, rivolo
dentro una passeggiata di Mussorgsky –
è finita la danza degli gnomi
si dilata un incedere solenne
in processione di gioia e oro puro –
fossi rosa sfogliata o briciola
nella piena di un fiume, fossi accordo
dentro la processione sacra che avanza
verso la porta grande di Kiev

Annunci

Read Full Post »

ballata

foglie

Ombre di foglie scosse, rami al vento
che la luna denuda…
non dimentico i vortici di note –
noi sostavamo ai bordi
e scorrevano limpidi zampilli

un’antica ballata sempre nuova
svolgeva nastri di malinconia
sul profilo tagliente del destino

Read Full Post »

Philippe Parreno

Philippe Parreno “My Room is a Fish Bowl”

La mia stanza è una casa di pesci
galleggianti a lenti intervalli
nelle note del
pianoforte

sfrecciano scafi dietro i vetri –
sazi di bianchi spazi noi
dalle grandi finestre
vediamo acqua e nuvole
navi e cupole in transizione –
separati dal mondo, noi

Read Full Post »

sferico intreccio di pesci

Barracuda-a-palla

E scendono i talloni risucchiati
in trasparenza d’onda fredda
io li vedo sparire nella sabbia
sbilanciata all’indietro
ancora indietro
mi colorano l’anima note
inaspettate, una sequenza strana
limpidamente pullula, spinge
me verso non so dove – quasi vorticante
sferico intreccio di minuscoli pesci

Read Full Post »

là dove i pomeriggi

Francesca-Bonfatti_Mists-V

immagine di Francesca Bonfatti

Là dove i pomeriggi s’incontrano
con malinconie fumiganti dal passato –
scorrono inflorescenze d’alga sui canali
il vento teso ha capovolto le vele –
la mano di un bambino è sufficiente
a sospingere note in altalena
oltre i secoli vorticanti

Read Full Post »

Catturato lo sguardo a tende appese –
acquarelli, luci a rovescio
seggiole pietrificate

fingeva se stessa la vita, fuori:
maniche vertiginose di bianco vento
un camino aspirava muri
il cielo, un azzurro taglio, stretto

nella stanza con due pareti, il niente dietro
montagnole di note in crollo su note
strati e curve di accordi, conchiglie di suoni
purificati in declinazioni diverse –
Brahms in jazz, la marcia di Liszt
un perfetto Skrijabin

l’uomo con barba estraeva dai tasti
diagrammi ad albero, trasparenze di note
brillanti chiodi ramificati
con svariare di ritmi –
ora, svuota di sabbia i flauti
entra nelle sinapsi con freschi timbri
cola i vuoti con lente meduse
assorte fino a sparire

Read Full Post »