Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘tempo’


Persa nei campi elisi di un balcone
ascolti il suono delle cicale
attutito dal tempo
bimbi nudi e salati corrono fra le dune
selvagge degli Alberoni
era un altro millennio e il vento
respirava tra i rami degli oleandri
come fa ora lungo i condomini
ti chiamavano Pupa, abbronzata dal sole
del mare e della montagna
ricordi sempre più lievi
galleggiano nei tuoi capelli d’argento
di giorno sogni, la notte scompari
dietro persiane sbarrate
ma continui a sentire un suono
come di cicale lontane

Annunci

Read Full Post »

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Vengo da un mondo scomparso
navigo a vista
tra ostacoli mobili e scogli
figure mi vengono incontro
di densità ignota
mi scalfiscono, a volte le schivo
vengo da un mondo ignoto
inghiottito dal tempo, per questo
io non ho guscio, non mi difendo
che facendomi poco a poco
trasparente fra trame, invisibile quasi
dentro un fluido alieno

per non perdermi, fisso puntine
di parole nei punti
cardinali del mio sentire
me stessa, fra flussi
di pollini inconsistenti

Read Full Post »

il buio non ha nome

Edvard Munch

L’alba è un pozzo di nulla –
avvinghiati per non precipitare
inutilmente proviamo a fermare
il giorno che viene

le solite insofferenze, varianti insensate
stupide ore – scorie rimescolate affiorano
trasportate sul filo di correnti
precipitose – il tempo
è una schiuma che non perdona

e quando cala la sera e rimango sola
sprofondo al centro di me stessa
nel silenzio mi perdo, il buio non ha nome

Read Full Post »

 

C’è sempre un procedere a ritroso
laghi e fiumi, pianure
qui si perde l’ultima luce –
cadono dai rami silenziose parole
le stacchi come frutta

spesso procedi a sbalzi
storditi sul tempo vuoto –
nel ventre notturno filtrano voci
guardi in alto, qualcuno sparge
folate improvvise di stelle

nello spazio deserto un cuore bussa

Read Full Post »

ancora un giorno

L.Winram

Ancora un giorno, ancora
un altro pomeriggio:
le tre e tre quarti, anzi quasi le quattro
solo un lieve ronzio
ed il tempo avanza senza cedere
agli intoppi d’abisso
ecco
sono le cinque, anzi
quasi le sei
sto guadagnando un giorno
ho perso ciò che non so
sedimentato nello stagno
vuoto
che non conosco, infisso
dentro di me, nel profondo

Read Full Post »

 

Safet Zec

Ma perchè hai dovuto andartene
con tanta, difficile lentezza

vivevi in un mondo di ombre –
oltre la memoria e verso
dimensioni di presenze sfumanti,
di nebbie, forse, o del nero più denso

ogni tuo passo era sempre più lento
finchè non ci furono più passi
però, lo spirito continuò a viaggiare –
non potevi dirlo a nessuno
ma sapevi la direzione del viaggio

gli attimi duravano secoli
i giorni morivano in uno zero –
la morte intrecciata con la vita
fece scivolare le tue ore
verso un buco nero
dove non esisteva il tempo

per me, il tempo ha cambiato nome

Read Full Post »

galassie a perdere

Not to be confused with our neighbouring Andromeda Galaxy, the Andromeda constellation is one of the 88 modern constellations. More importantly for this image, it is home to the pictured NGC 7640. Many different classifications are used to identify galaxies by shape and structure — NGC 7640 is a barred spiral type. These are recognisable by their spiral arms, which fan out not from a circular core, but from an elongated bar cutting through the galaxy’s centre. Our home galaxy, the Milky Way, is also a barred spiral galaxy. NGC 7640 might not look much like a spiral in this image, but this is due to the orientation of the galaxy with respect to Earth — or to Hubble, which acted as photographer in this case! We often do not see galaxies face on, which can make features such as spiral arms less obvious. There is evidence that NGC 7640 has experienced some kind of interaction in its past. Galaxies contain vast amounts of mass, and therefore affect one another via gravity. Sometimes these interactions can be mild, and sometimes hugely dramatic, with two or more colliding and merging into a new, bigger galaxy. Understanding the history of a galaxy, and what interactions it has experienced, helps astronomers to improve their understanding of how galaxies — and the stars within them — form.

quanti segni nell’ombra
quante voci
senza traccia perdute

steli e stelle disseminate
galassie a perdere
spirali e torrioni nell’infinito
nero del tempo

meteore ripescate dal nulla
vertiginosi viaggi nell’oltre, ammassi
in lattea diffusione – risucchi
in formazione rapida
già
polverizzati

 

Our Place in Space.

10 artists inspired by Hubble Space Telescope images.

Read Full Post »

Older Posts »