Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘vento’

Immagine
Non so come, dal niente ho estratto parole
e tracciato a matita uno schizzo
di neuroni dispersi, come
col pennarello semina un bambino
lunghe foglie sul foglio
soli rotanti e fiori

non so come ho pigiato sui tasti
collegando frantumi di ricordi
in catene di suoni e colori

oggi è soltanto tosse
e risucchi del cuore in duri strappi –
niente appigli sul bianco della pagina
qui, ronza la ventola del computer
fuori incespica il vento

Annunci

Read Full Post »

David Bowie

David Bowie

Ricordati da dove sei venuto e dove andrai
uomo o donna, dalla polvere alla polvere

attraversando questi giardini d’aria
in rotazione di pollini e fiori
ricordati la benda e l’ago
lascia
che la musica ti attraversi
spalancherà come un vento
i tendaggi dell’odio
camminerai sui sassi roventi
e proverai compassione

pensa alle ceneri ma non scordare
le meraviglie del giardino sospeso
risplendente di margherite
con il cuore color arancio

Read Full Post »

sto arrivando

pioggia 2

Sto arrivando
fra vetri nebulosi
disegnati da lacrime fredde
sto arrivando tra cumuli di pioggia
parallela ad un treno
sto seduta, la gente mi circonda
ai due lati le acque di laguna
nebbia e fango alle spalle
un colore di piombo
agitato
un vapore che oscura la vista
fra due ali sfrecciando
dentro il numero sette
capolinea, una corsa nel vento

Read Full Post »

orme confuse

pioggia 1
Vento nuvole e pioggia a scrosci
accaniti rovesci contro i vetri
del mio vivere lungo, rinchiuso – fuori
teorie di fantasmi nel fango avanzano
senza occhi né voce, nessuno
li conosce: da dove
vengono, dove
possono andare oggi, quando
è calato un inferno di barriere?

Vento nuvole pioggia tacciono
in grigiore d’attesa – qui vivo
nel tepore di un nido, conosco
il vuoto da cui vengo

mi associo al canto dei cuori
copro orme confuse

 

Read Full Post »

20150327_170600

il cimitero
è regno dei gabbiani
dall’occhio feroce – ma
dopo l’inverno vuoto
tornano i passeri festosi
con ghirlande di chiacchiere
sparse – il merlo
popola Cannaregio a primavera
interroga tegole, vento e siepi
domina il mondo dalle antenne
con insistenza melodiosa

Read Full Post »

milonga

images

Il vento s’infiltrava obliquo
tra i corridoi di case
e aveva odore di mare
ma il mare non c’era

i muri riflettevano l’argento
di un invisibile cielo di piombo
troppo alto, troppo lontano

Read Full Post »

Fuochi di canto

1486779_10201239810940844_125073441_n

C’è un suono che spezza il vetro –

lontane melodie stellari

chi le comprende e ascolta?

 

Dentro la chiesa

un vento caldo accende

i gotici colori ascensionali –

e noi, piccole cose nere

sotto l’altare siamo

mantice all’organo che esplode

fuochi di canto e crepitare

di gioia nelle mani

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »