Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2016

fuori stagione

cava 63

fuori stagione, pensano i prati
niente fiori né fumo dai camini –
legno marcio nei cinque fienili
ammassati in silenzio sul costone
come gufi in agguato

e trascina carriole di fatica
di vivere
la vecchia col grembiule

oggi, mi sento anch’io
fuori stagione

Read Full Post »

BUONA PASQUA

resurrezione

Read Full Post »

Read Full Post »

come se

spiaggia 1

foto di Piero Orsoni

Come se io non ci fossi,
sorge chiaro il mattino
e i colombi toccano il cielo
con i loro caotici
sciami
Come se non ci fossimo, l’onda
scorre sull’onda, infrante
sull’arenile piatto – forse
su questa riva
non c’è mai stato
nessuno

Read Full Post »

Immagine
Non so come, dal niente ho estratto parole
e tracciato a matita uno schizzo
di neuroni dispersi, come
col pennarello semina un bambino
lunghe foglie sul foglio
soli rotanti e fiori

non so come ho pigiato sui tasti
collegando frantumi di ricordi
in catene di suoni e colori

oggi è soltanto tosse
e risucchi del cuore in duri strappi –
niente appigli sul bianco della pagina
qui, ronza la ventola del computer
fuori incespica il vento

Read Full Post »

cimitero
la presenza degli alberi
abbracciava ogni pietra, ogni nome inciso
sprofondare di sassi, ossa senza nome
stridori di motoseghe nel cimitero ebraico
e quell’uomo, in alto, che gridava scostatevi
viene giù, crolla il ramo grande

la corona alta di piante
mi metteva una frenesia di graffiare il tempo –
un lampo nel groviglio, i gesti si chiusero
sull’erica spettinata
le parole nei vasi di ruggine

poi, corsero per i tronchi discorsi antichi
rami turgidi di memorie fecero uscire
fiduciosi sussurrri dal fogliame

come se ci credessi pregavo
come fossero vivi, respiravo per loro
e per chi vive nella prigionia del corpo
assaporavo guizzi di luce nell’acqua

Read Full Post »

orologi-parete

Dove va la lancetta dei minuti
e dove
troveranno una casa
i bambini scomparsi?
forse un castello di sabbia umida
risucchierà i tuoi passi e i tuoi sogni
ma intanto resta
a nutrirti di fiabe e abbracci

dove va la lancetta dei minuti
e chi ha divorato le ore…
resta nell’arco dell’attenzione
a costellare i cieli di domande –
quando verrà il tuo tempo
di scontrarti con muraglie di rabbia
sarai più forte

Read Full Post »