Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘silenzio’

Il silenzio

Mi ha sommerso il silenzio

è venuto dopo i pensieri
non detti, le invisibili note:
il suono è sprofondato nel cuore
colato in un buco nero

e non ho più voce:
di tutto il canto che volevo
è rimasta un’armonia sottintesa
vive in un mondo parallelo
di cascate, echi e nebbie

Read Full Post »

Foto di Luca Campigotto

La notte, una finestra chiusa
gli angoli delle stanze piegati
in silenzio imperfetto –
rotoli di parole davanti
e dietro a me: l’elenco spese
un lucernario a chiarire
cose non fatte, e ciò che avrei potuto
e tende appese come vergini kore
colonne urgenti a contemplare
peccati, errori ed omissioni

poi, montagne di vuoti a perdere
una lavagna di post-it come insetti
il chiodo nella mia mente, e fuori
un mondo intero, ma non più
reale

Read Full Post »

la musica del silenzio

Ho chiamato il vuoto con molti nomi
zero assoluto, nulla, niente
solitudine e nebbia
notte bianca incombente
raschio
che ogni cosa cancella

e poi,
vivere in affollamento di verbi
a che serve?
se io vengo dal vuoto di storie
dimenticate
ho succhiato latte ed oblio
e per vivere, ancora
ho sgommato ricordi

la leggerezza del vuoto ho cercato
e temuto il vuoto pesante

ma vengo da un paese che non esiste
e la musica del silenzio mi chiama

 

Read Full Post »

il silenzio del mondo

Il silenzio del mondo
in una stanza:
ogni cosa al suo posto
il nulla al centro

nella città di pietra irreali
sgusciano ombre, girano gli angoli
il respiro si spezza nell’aria maligna –
una bellezza oscura
sotto una patina opaca

sola nell’acqua lattiginosa
scivola un’anatra con piume
morbide

Read Full Post »

Tu e la tua vita
torrentizia alle spalle
tu che ti sai
mettere in collisione
perderti e ritrovarti
vivere intensamente

io che mi perdo e vivo
lentamente tra spazi e attese
cure minime e incurie
di me stessa e del mondo
io che mi smaglio nei contatti
e mi ritrovo nei silenzi

cittadina del mondo, tu
io senza
cittadinanza

cerco ancora di fondermi
pelle a pelle –
cominciare e finire
dentro un alveo materno

Read Full Post »

Il silenzio sulla panchina, fuori
è un altro silenzio –
quando siamo sull’orlo d’erba
e intorno
niente fuorchè l’aria ci separa
da lontanissimi declivi, da merli di roccia
taglienti, da orizzonti invisibili
dietro le montagne viola –
piovono raggi di sole come argento
dalle nubi forate – è l’ultima sera

il silenzio e lo spazio davanti alla panchina
sospesa sul precipizio d’erba, a nulla
si può paragonare

Read Full Post »

 

Usciremo forse talora
dal cubo di silenzio e d’aria
condizionata
esiste un mondo rumoroso ancora
fuori / noi, fasciati da pagine scritte
e trasparenze di stoffe
ripiegati con cura su piccoli mali
trascineremo fuori ancora i nostri corpi
di fatica e sudore
schiveremo mille collisioni
nuovamente vedremo persone
di mille forme e condizioni
bruciati dal sole, sfiancati dalle pietre
con piccoli bimbi al traino
circondati da cani stizzosi

ancora ci chiederemo quanti
racchiudono un proprio senso dentro
salvato dal tempestoso volteggiare
dei mondi urlanti che ruotano intorno

mentre noi – nel cubo di silenzio
a stento percepiamo il quasi nulla
vibrante nel tempo

Read Full Post »

Laurence Winram

 

Il tempo è una tenda chiara
la muove il vento in trasparenza
rintocco di campana oltre la laguna
eco d’infanzia lontana

il tempo è garza su ferite
vetta di un gotico campanile
vibrazione dello sterminato
silenzio
prima che la brezza cada

dalla linea d’ombra allora vedremo
tornare lenti su oblique file
i vascelli oscuri dell’oltre

Read Full Post »

suono stellare

Poi, quando tutto
sarà quiete e silenzio
e sarò sola nello spazio
mi nutrirò di verdure idroponiche
tornerò pura più di un bimbo da latte
la carne marcita e l’incertezza
della mente corrotta
esaleranno per sempre in nubi
ceneri cosmiche a perdere –
generazioni di fango e metalli crudeli
risucchiate nei gorghi dei buchi neri
e sarà come
nulla mai fosse stato
rimarrà l’onda lunga di un suono
stellare

Read Full Post »

foglia tra foglie


Vivere accanto al sasso
nel silenzio addensato da fruscii
di sgretolamenti minimi
che il ghiaione sotterra

stendersi, filo d’erba tra fili
sull’orlo rosso dell’autunno –
nel pallore d’immensi cieli
essere foglia
macerata tra foglie
roccia rigata da un gocciare
incessante
guglia scomparsa nella notte
vapore di luce
che la luna attraversa
ventaglio di gocce
nell’aurora

Read Full Post »

Older Posts »